Come funziona la liposcultura Hi Def

liposcultura Hi DefcorpoGli attuali standard di bellezza sembrano propendere per la definizione di un corpo esile e angolare, snello e atletico, con muscoli sufficientemente definiti e un complessivo aspetto di atleticità, sia per gli uomini che per le donne.

Per poter arrivare a tale obiettivo, molte persone seguono una dieta rigorosa e si applicano costantemente grazie a dell’esercizio fisico.

Gli esercizi aerobici vengono utilizzati per “attaccare” i cuscinetti di grasso e per mantenere o mandare giù il proprio peso, mentre gli esercizi con i pesi vengono seguiti per conseguire un ben sviluppato aspetto muscolare.

Tuttavia, la dieta e l’esercizio fisico non sempre danno i risultati desiderati: sono infatti numerose le persone che hanno aree di grasso resistenti, in grado di bloccare i loro obiettivi, nonostante un intenso esercizio fisico e la dieta ferrea. In loro soccorso può pertanto arrivare la liposcultura Hi Def.

La liposcultura Hi Def si occupa della “contornatura” e della definizione ad arte dell’anatomia, utilizzando sia la tecnica che la tecnologia. Si tratta dell’arte del riconoscere come l’anatomia della pelle, del grasso e del muscolo contribuiscono alla comparsa di un fisico scolpito.

La tecnica della liposcultura Hi Def è in grado di favorire la retrazione cutanea con resezione di un eccesso di grasso e, rispetto alla liposuzione tradizionale, la tecnica permette di raggiungere il grasso sottocutaneo senza toccare la massa muscolare.

L’obiettivo in questione viene raggiunto grazie ad una tecnica chiamata “Acquaforte addominale“, che si riferisce al differenziale tra la muscolatura e il grasso (in particolare quella del retto addominale).

Il retto addominale viene topograficamente visualizzato grazie alla linea alba, alla linea semilunaris e alle intersezioni tendinee trasversali all’interno del muscolo del retto abdominous.

Con costanza e con corrette abitudini alimentari e di esercizio fisico, sarà possibile giungere a risultati finalmente ottimali.

Altri approfondimenti su questo sito: click qui.

Lascia un commento